Come i genitori possono creare i propri piccoli narcisistiIl nuovo metodo scientifico per misurare il narcisismo: numero di selfie all'ora.

I bambini i cui genitori pensano che sono un dono di Dio al mondo tendono a eclissare i loro coetanei in narcisismo.


In uno studio che mira a individuare le origini del narcisismo, i ricercatori hanno esaminato i genitori e i loro figli quattro volte in un anno e mezzo, per vedere se potevano identificare quali fattori guidano i bambini ad avere una visione tronfia di se stessi.

 


I risultati mostrano che i genitori che «sopravvalutavano» i loro figli quando è iniziato lo studio hanno finito con i i figli che hanno ottenuto i punteggi più alti nei test di narcisismo. I figli sopravvalutati erano stati descritti dai loro genitori nei sondaggi come "più speciali degli altri bambini", e come bambini che "meritano qualcosa in più dalla vita", per esempio.


"I bambini ci credono quando i loro genitori dicono loro che sono più speciali degli altri. Ciò può non andare bene per loro e per la società", ha dichiarato Brad Bushman, co-autore dello studio e professore di comunicazione e psicologia della Ohio State University. Egli ha condotto lo studio con l'autore Eddie Brummelman, ricercatore post-dottorato dell'Università di Amsterdam. Lo studio è appena apparso online in Proceedings of National Academy of Sciences.


Brummelman ha detto che i genitori con le migliori intenzioni possono sopravvalutare i loro figli, pensando di contribuire a rafforzare la loro autostima. "Invece che aumentare l'autostima, le pratiche di sopravvalutazione possono inavvertitamente aumentare i livelli di narcisismo", ha detto Brummelman.


Anche se sono noti i pericoli del narcisismo, al contrario le sue origini non lo sono, secondo Bushman. Questo è il primo studio prospettico ad esaminare come si sviluppa il narcisismo nel tempo. Lo studio ha coinvolto 565 bambini olandesi che avevano da 7 a 11 anni quando è iniziato lo studio, e i loro genitori. Hanno completato quattro questionari, uno a sei mesi dall'altro. Tutte le modalità di indagine usate nello studio sono ben consolidate nelle ricerche di psicologia.


La sopravvalutazione dei genitori dei bambini è stata misurata con una scala che ha chiesto alle mamme e ai papà quanto erano d'accordo con affermazioni come "Mio figlio è un grande esempio per gli altri bambini". Sia i bambini che i genitori hanno riferito quanto calore emotivo mostravano i genitori, e i partecipanti indicavano quanto erano d'accordo con affermazioni del tipo "faccio sapere al mio bambino che gli voglio bene" (o "Mio padre / mia madre mi fa sapere che mi ama").


I bambini sono stati misurati sia nei livelli di narcisismo che di autostima. Anche se molte persone credono che il narcisismo sia solo autostima con steroidi, ciò non è vero, secondo i ricercatori. In questo studio, i bambini con alta autostima, piuttosto che vedere se stessi più speciali degli altri, erano d'accordo con le dichiarazioni che suggerivano che stavano bene con se stessi come persone e gradivano il tipo di persona che erano. "Le persone con alta autostima pensano di essere a posto come gli altri, mentre i narcisisti pensano di essere migliori degli altri", ha detto Bushman.


Autostima e narcisismo si sviluppano anche in modi diversi, lo studio ha trovato. Anche se la sopravvalutazione dei genitori è associata a livelli più alti di narcisismo infantile nel tempo, non è stata associata a maggiore autostima. Al contrario, i genitori che hanno mostrato più calore emotivo avevano figli con maggiore autostima nel tempo. Il calore genitoriale non è stato associato al narcisismo. "La sopravvalutazione precede il narcisismo, non l'autostima, mentre il calore predice l'autostima, non il narcisismo", ha detto Bushman.


La sopravvalutazione dei genitori è stata collegata al narcisismo, anche dopo che i ricercatori hanno preso in considerazione i livelli di narcisismo dei genitori. In altre parole, non è che i genitori narcisisti abbiano figli narcisi, la sopravvalutazione dei genitori ha avuto un ruolo chiave.


[...]


Bushman, che è padre di tre figli, ha detto che la sua ricerca sul narcisismo gli "ha cambiato lo stile genitoriale". "Quando ho iniziato a fare questa ricerca nel 1990, pensavo che i miei figli avrebbero dovuto essere trattati come se fossero davvero speciali. Sono più attento a non farlo ora", ha detto. "E' importante esprimere calore ai figli, perché questo può favorire l'autostima, ma la sopravvalutazione può promuovere un maggiore narcisismo".


Brummelman ha detto che questi risultati suggeriscono un modo pratico per aiutare i genitori. "Gli interventi di formazione dei genitori possono, ad esempio, insegnare loro ad esprimere affetto e apprezzamento verso i bambini senza dire loro che sono superiori agli altri o hanno diritto a privilegi", ha detto. "Gli studi futuri dovrebbero verificare se questo può funzionare".

 

 

 

 

 


Fonte: Jeff Grabmeier in Ohio State University (>English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Eddie Brummelman, Sander Thomaes, Stefanie A. Nelemans, Bram Orobio de Castro, Geertjan Overbeek, Brad J. Bushman. Origins of narcissism in children. Proceedings of the National Academy of Sciences, 2015; 201420870 DOI: 10.1073/pnas.1420870112

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Il contenuto di questo articolo non dipende da, nè impegna la Biblioteca Comunale di Altivole. I siti terzi raggiungibili da eventuali link contenuti nell'articolo sono completamente estranei alla Biblioteca, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

 
FaLang translation system by Faboba