*** La biblioteca rimane chiusa per le festività pasquali dal 19 al 27 aprile compresi. Il servizio di interprestito è sospeso martedì 24 aprile e riprenderà martedì 30 aprile.


Ragazzi trascurati possono diventare adolescenti violentiFoto: © iStock Photo alptraumI genitori che trascurano fisicamente i loro ragazzi possono aumentare il rischio di allevare adolescenti violenti, secondo i sociologi della Penn State.


In uno studio su adolescenti di sesso maschile attualmente in carcere, la trascuratezza fisica nell'infanzia è sorta come il predittore più forte di comportamenti violenti, ha detto William McGuigan, professore associato di studi sullo sviluppo umano e della famiglia alla Penn State Shenango.


I ricercatori stanno appena ora iniziando a riconoscere il ruolo potente della trascuratezza nell'influenzare la violenza adolescenziale, ha aggiunto.


"Uno dei problemi nello studiare la trascuratezza è che si tratta di un atto di omissione, piuttosto che un atto perpetrato. In altre parole, si caratterizza come l'assenza di un atto, piuttosto che un vero e proprio atto di maltrattamento", ha detto McGuigan. "Tuttavia ora abbiamo misurazioni migliori e basi di dati più grandi per documentare la negligenza".


Esempi di abbandono fisico includono il non portare un bambino malato o ferito dal medico, vestire impropriamente un bambino e non nutrirlo, secondo i ricercatori che hanno presentato questi risultati il 18 agosto alla riunione annuale della American Sociological Association a San Francisco.


Lo studio ha indicato che, mentre l'abuso fisico è un contributo significativo al comportamento violento, la trascuratezza fisica da sola è un predittore più forte della violenza dei maschi adolescenti rispetto all'abuso fisico, o addirittura all'abuso fisico e alla trascuratezza combinati. "Sembra un po' contradittorio, ma l'abuso fisico potrebbe almeno dimostrare che i genitori stanno dando un certo tipo di attenzione al bambino", ha detto McGuigan, che ha lavorato con Roxanne Atterholt, istruttore, e Jack A. Luchette, studente universitario, negli studi sia sullo sviluppo umano che su quello familiare alla Penn State Shenango.


McGuigan ha detto che capire come la negligenza può influenzare il comportamento violento nei maschi adolescenti può portare ad una maggiore educazione per i caregiver e una assistenza migliore per i giovani a rischio. "Dobbiamo studiare di più l'abbandono e diventare più consapevoli di come esso può causare alcuni di questi comportamenti violenti", ha detto McGuigan. "Da questo potremo delineare programmi di assistenza preventiva precoce che potranno contribuire ad evitare questi esiti negativi". La ricerca potrebbe anche contribuire, per esempio, a proteggere le persone che si occupano di adolescenti, identificando i giovani che sono più inclini alla violenza.


I ricercatori hanno analizzato i dati provenienti da un sondaggio di 85 soggetti, residenti di un centro di detenzione della Pennsylvania per maschi delinquenti. Nel sondaggio 25 dei partecipanti (29,4% del gruppo) hanno detto che essi hanno sperimentato almeno un episodio di abbandono nell'infanzia. Gli atti di violenza includevano lottare con studenti o genitori, colpire insegnanti o istruttori e usare un'arma per spaventare, rubare o danneggiare un'altra persona.


L'abuso sessuale non è stato incluso nell'indagine. Solo due soggetti hanno risposto che sono stati vittime di abusi sessuali nel sondaggio, non sufficienti a fornire risultati conclusivi, secondo McGuigan.


Questo studio è stato sostenuto da una sovvenzione di ricerca e sviluppo della Penn State Shenango.

 

 

 

 

 


Fonte: Matt Swayne in Penn State (>English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Il contenuto di questo articolo non dipende da, nè impegna la Biblioteca Comunale di Altivole. I siti terzi raggiungibili da eventuali link contenuti nell'articolo sono completamente estranei alla Biblioteca, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.