Incubi notturni possono segnalare che un bambino è vittima di bullismoMolti bambini che sono vittime di bullismo soffrono in silenzio. Il trauma può portare ad ansia, depressione, episodi psicotici e persino al suicidio.


Ci può essere un modo per identificare le vittime del bullismo, prima che sperimentino gravi problemi di salute mentale, secondo uno studio che è stato presentato Sabato 3 maggio, alla riunione annuale della Pediatric Academic Societies (PAS) a Vancouver, in Canada.

 


I ricercatori dell'Università di Warwick nel Regno Unito hanno scoperto che incubi o terrori notturni sono più comuni nei ragazzi di 12 anni che avevano riferito di essere vittima di bullismo quando avevano 8 e 10 anni.


"Gli incubi sono relativamente comuni durante l'infanzia, mentre i terrori notturni si verificano nel 10 per cento dei bambini", ha detto l'autore Suzet Tanya Lereya, PhD, ricercatrice dell'Università di Warwick. "Se avvengono frequentemente o per un periodo di tempo prolungato, possono indicare che un bambino/adolescente è stato o è vittima di bullismo da parte dei compagni. Questi risvegli durante il sonno possono indicare un disagio significativo per il bambino".


I Dr. Lereya e Dieter Wolke, PhD, hanno analizzato i dati provenienti dall'«Avon Longitudinal Study of Parents and Children», che ha esaminato le determinanti dello sviluppo, della salute e della malattia durante l'infanzia e oltre. I bambini sono stati arruolati alla nascita, e 6.438 di essi sono stati intervistati all'età di 8 e 10 anni sul bullismo e all'età di 12 anni sulle parasonnie, compresi incubi, terrori notturni e sonnambulismo.


I risultati dell'indagine hanno mostrato che all'età di 12 anni, 1.555 (24,2 per cento) dei bambini ha avuto incubi, 598 (9,3 per cento) aveva terrori notturni, 814 (12,6 per cento) ha riferito nottambulismo e 2.315 (36 per cento) hanno avuto almeno un tipo di parasonnia (incubi, terrori notturni e sonnambulismo).


Dopo l'aggiustamento per i fattori confondenti (ad esempio, qualsiasi diagnosi psichiatrica, avversità della famiglia, IQ, internalizzazione ed esternalizzazione dei problemi, abuso sessuale o fisico, violenza domestica, e incubi prima degli 8 anni), i bambini che sono stati vittimizzati a 8 o 10 anni avevano una probabilità significativamente maggiore di avere incubi, terrori notturni o sonnambulismo all'età di 12 anni. Inoltre, coloro che erano sia vittima che bullo avevano molta più probabilità di avere una qualsiasi parasomnia, ma i bulli non avevano un maggiore rischio di disturbi del sonno.


"I nostri risultati indicano che essere vittima di bullismo è uno stress/trauma significativo che porta ad un aumento del rischio di problemi di risveglio dal sonno, come incubi o terrori notturni"
, ha detto il dottor Wolke, professore di psicologia dello sviluppo e di differenze individuali all'Università di Warwick. "E' un indicatore facilmente identificabile che durante la notte si sta elaborando qualcosa di spaventoso. I genitori devono essere consapevoli che questo potrebbe essere correlato ad esperienze di bullismo subito dai compagni, e fornisce loro l'opportunità di parlarne con il loro ragazzo. I medici generici dovrebbero anche considerare il bullismo dei pari come un potenziale precursore di incubi o terrori notturni nei bambini".

 

 

 

 

 

 


Fonte: American Academy of Pediatrics  (>English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Il contenuto di questo articolo non dipende da, nè impegna la Biblioteca Comunale di Altivole. I siti terzi raggiungibili da eventuali link contenuti nell'articolo sono completamente estranei alla Biblioteca, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.