Bambini tutto studio e niente gioco: perdono infanzia e felicità?Nelle scuole elementari, il tempo del gioco si è accorciato e il tempo delle altre attività è aumentato.


Fuori dalla scuola, la sicurezza stradale, i pericoli più strani e il gioco sulla rete hanno drasticamente ridotto le occasioni dei nostri bambini per l'interazione sociale e il gioco libero.

 

Il minore tempo di gioco danneggia il benessere dei nostri figli?

In un articolo su International Journal of Play, Pam Jarvis discute l'importanza del gioco e gli esiti dannosi per i bambini quando non ne fanno abbastanza.


Un'indagine nel 2004, commissionata dal Dipartimento della Salute della GB, ha concluso che 1 bambino britannico su 10, di età compresa tra 5 e 16 anni, ha una diagnosi di disturbi mentali.

 

Lo stress infantile, i problemi psicologici e l'auto-abuso sono in aumento.

Sono finiti i giorni indistinti in cui i bambini potevano correre liberi per tutto il giorno e giocare. L'urbanizzazione ha avuto molte implicazioni nel gioco infantile ma gli umani di fondo sono ancora «cacciatori-raccoglitori» e hanno bisogno di cercare la conoscenza dell'«essere sociale» attraverso l'esperienza e la scoperta.


Attraverso il gioco "i bambini sviluppano ... un senso emergente di competenza ... sentimenti di «appartenenza», «utilità», e il conseguente benessere". Quando sono privati del gioco, i bambini mancano di connettività sociale e hanno meno «benessere mentale».

 

La mancanza di gioco sta contribuendo ad una società disfunzionale?

Il gioco libero infantile è la base su cui gli individui sviluppano molte competenze sociali cruciali, che li equipaggia per la complessità della vita nella comunità degli adulti. L'UNICEF dichiara che il gioco libero in gruppi di coetanei aiuta i bambini "a imparare e a praticare il controllo dell'aggressività, la gestione del conflitto, a guadagnarsi il rispetto e l'amicizia, a discutere dei sentimenti, ad apprezzare la diversità, e ad essere consapevoli dei bisogni e dei sentimenti degli altri".

 

Se il gioco è al centro dello sviluppo sociale dei bambini, perché lo stiamo continuamente degradando?

Il gioco è universale e globale; nel corso dell'evoluzione è sempre stato importante. Gli autori invitano i responsabili politici degli stati a ripensare e a ripristinare l'importanza del gioco rispetto all'apprendimento guidato dagli adulti. Essi concludono che maggiori opportunità di gioco libero sono la chiave per lo sviluppo organico di una generazione sana.

 

 

 

 

 


Fonte: Taylor & Francis  (>English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Pam Jarvis, Stephen Newman, Louise Swiniarski. On ‘becoming social’: the importance of collaborative free play in childhood. International Journal of Play, 2014; 1 DOI: 10.1080/21594937.2013.863440

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Il contenuto di questo articolo non dipende da, nè impegna la Biblioteca Comunale di Altivole. I siti terzi raggiungibili da eventuali link contenuti nell'articolo sono completamente estranei alla Biblioteca, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.