Inizio ritardato delle lezioni può migliorare sonno e rendimento adolescentiJulie Boergers, PhD, psicologa ed esperta del sonno del Bradley Hasbro Children Research Center, ha di recente condotto uno studio che collega un momento ritardato di inizio delle lezioni a scuola ad un miglioramento del sonno e dell'umore degli adolescenti.


L'articolo è pubblicato sull'ultimo numero del Journal of Developmental & Behavioral Pediatrics.

 


"La privazione del sonno è epidemica tra gli adolescenti, con gravi ripercussioni potenziali sulla salute mentale e fisica, sulla sicurezza e l'apprendimento. Iniziare presto le lezioni alle superiori può aggravare questo problema", ha detto la Boergers. "La maggior parte degli adolescenti subisce un cambiamento biologico verso un ciclo sonno-veglia più ritardato, fatto che può rendere l'inizio troppo mattiniero delle lezioni particolarmente impegnativo. In questo studio, abbiamo esaminato se un ritado dell'inzio della scuola relativamente modesto e temporaneo possa cambiare i modelli di sonno degli studenti, la sonnolenza, l'umore e l'uso della caffeina".


Il team della Boergers ha somministrato il questionario School Sleep Habits Survey a studenti di collegio che frequentavano una scuola indipendente, sia prima che dopo il ritardo sperimentale dell'orario di inizio della loro scuola, dalle 8 alle 8:25 durante il periodo invernale.


Il ritardo dell'orario di inizio lezioni è stato associato ad un aumento significativo (29 minuti) della durata del sonno nelle notti di scuola: la percentuale di studenti che ha dormito otto o più ore per notte è salita dal 18 al 44 per cento. La ricerca ha scoperto che gli studenti più giovani, e quelli che dormivano meno all'inizio dello studio, avevano più probabilità di trarre beneficio dal cambiamento di programma. E una volta che l'orario di inizio più mattutino è stato ristabilito durante il periodo primaverile, i ragazzi sono tornati ai livelli di sonno originali.


Sonnolenza diurna, umore depresso e uso di caffeina sono stati tutti significativamente ridotti dopo il ritardo nel tempo di inizio della scuola. L'ora ritardata di inizio delle lezioni non ha avuto alcun effetto sul numero di ore che gli studenti trascorrevano su compiti, sport o attività extrascolastiche.


La Boergers, che è anche condirettrice della Pediatric Sleep Disorders Clinic all'Ospedale Hasbro per Bambini, ha detto che questi risultati hanno importanti implicazioni per la politica pubblica.


"I risultati di questo studio si aggiungono ad un crescente corpo di ricerca che dimostra importanti benefici per la salute derivanti da un ritarrdo nell'inizio delle lezioni per gli adolescenti", ha detto. "Se allineiamo di più gli orari scolastici ai ritmi circadiani degli adolescenti e ai loro bisogni di sonno, avremo studenti più attenti, più felici, più disposti ad imparare, e non più dipendenti da caffeina e bevande energetiche solo per rimanere svegli in classe".

 

 

 

 

 


Fonte: Lifespan, via EurekAlert!

Riferimenti: Julie Boergers, Christopher J. Gable, Judith A. Owens. Later School Start Time Is Associated with Improved Sleep and Daytime Functioning in Adolescents. Journal of Developmental & Behavioral Pediatrics, 2013; : 1 DOI: 10.1097/DBP.0000000000000018

Pubblicato in eurekalert.org (>English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Il contenuto di questo articolo non dipende da, nè impegna la Biblioteca Comunale di Altivole. I siti terzi raggiungibili da eventuali link contenuti nell'articolo sono completamente estranei alla Biblioteca, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.