Biblioteca Comunale di Altivole

Servizi alla cultura e alla persona



Per favorire uno stato di benessere fisico e mentale, si propongono alcune delle attività che, secondo molti studi scientifici, aiutano a mantenere i valori metabolici nella normalità e ad evitare, o posticipare, malattie gravi ed incurabili che, con la dignità e la serenità, tolgono anche l'indipendenza delle persone. 

 

Mantenersi attivi

Nordic WalkingPrendersi cura del proprio cuore è il primo passo per proteggere il cervello. "E' tutta una questione di flusso di sangue", dicono i ricercatori. "Il cervello utilizza il 20% dell'ossigeno nel sangue pompato nel corpo". L'esercizio fisico è un modo per prendersi cura del cuore e del cervello. Ma non è necessario andare in palestra tutti i giorni. Venti/trenta minuti di un qualsiasi tipo di esercizio cardiovascolare al giorno potrà contribuire a migliorare la salute realmente. Ovviamente questo non può esser fatto con Internet, ma si possono segnalare iniziative come le "Camminate per la mente" che propongono di camminare con la tecnica del Nordic Walking (uso di bastoncini appropriati), che impegna il 90% dei muscoli del corpo (mentre la camminata normale impegna il 50%) e ha un effetto potenziato di "pompaggio" del sangue nella parte alta del tronco.

 

Affilare la mente

Esercizi mentaliL'esercizio mentale rafforza il cervello; studi hanno trovato che risolvere cruciverba e giochi mentali è un modo per ridurre l'insorgenza della demenza. Le attività mentali frequenti creano connessioni tra le cellule nervose del cervello, rendendole più resistenti al deterioramento. "L'evidenza suggerisce che quelli con livello più elevato di istruzione sviluppano i sintomi di demenza più tardi nella vita", dicono in genere i ricercatori. Espandere la mente sviluppando hobby, coltivando le proprie attitudini artistiche (esplicite o nascoste), impegnandosi in giochi matematici o enigmistici, leggendo un buon libro o imparare una nuova lingua.

Vai a Stimolazione Cognitiva

Vai a Test psicologici (sito esterno)

Vai a Venetico, lingua estinta

Vai a Proverbi in Veneto, poesie, racconti, e altro.

Vai a Lingua Veneta (con collegamenti ad altri siti in fondo)

Vai a Dizionari online di tutti i tipi, anche tecnici

Vai a Ricordi della grande guerra 14-18 per coltivare i ricordi attraverso foto, documenti, stampe ...

 

 

Omega3Fare come i giapponesi, mangiare molto pesce

L'evidenza suggerisce che gli acidi grassi omega-3 possono aiutare a prevenire sia l'Alzheimer che la demenza vascolare. "Recenti studi hanno scoperto che le nazioni come il Giappone, dove sono frequenti le diete ricche di pesce, hanno minori tassi di malattie oltre a un allungamento della vita", spiega Bob Lister, un famoso ricercatore nel campo delle neuroscienze. Mangiare pesci oleosi di acqua fredda come il tonno, il salmone e le sardine, che sono ricchi di omega-3, o prendere 900 mg di DHA al giorno da un integratore.

 

dieta mediterraneaFare come gli Italiani, limitare il cibo spazzatura

Secondo il dottor Lister, una dieta ben bilanciata, e un peso sano, sono essenziali nella lotta contro le malattie. Gli alimenti come i cereali integrali e le carni magre, che sono a basso contenuto di grassi saturi, mantengono basso il colesterolo e la pressione del sangue. Un recente rapporto sul New Scientist ha collegato l'Alzheimer al diabete, causato da diete ad alto contenuto di zucchero. "Ci sono prove che i fattori dietetici possono ridurre o ritardare l'insorgenza della demenza", spiega Lister. Quindi, mangiare cinque porzioni di frutta e verdura al giorno, e barrette di cioccolato come spuntini sani per abbassare i livelli di zucchero nel corpo. Puntare a livelli benefici per il cervello di colesterolo (HDL o colesterolo "buono" superiore a 60, LDL o colesterolo "cattivo" inferiore a 100, trigliceridi inferiori a 100), pressione arteriosa (115/75) e di glucosio nel sangue (90-100 a digiuno). Questi risultati si raggiungono con una dieta povera di sodio, meditando 10 minuti al giorno, evitando i grassi saturi e trans, e facendo attività fisica quotidiana.

Vai a Ricette e Dieta Mediterranea

 

MeditarePrendersela comoda

Se si è alle prese con lo stress, imparare a gestirlo al meglio potrebbe salvare il proprio futuro stato di salute. Uno studio del 2010 su circa 1.500 donne svedesi ha scoperto che quelle che avevano avuto più stress in mezza età avevano una maggiore probabilità di sviluppare demenza nell'anzianità. "I risultati hanno evidenziato la necessità di intensificare la ricerca in questo settore", spiega Simon Ridley, direttore della ricerca della onlus Alzheimer's Research UK. Altri studi suggeriscono che la depressione può portare alla demenza. Se si sta lottando per far fronte allo stress e ci si sente giù, si dovrebbe parlare con il medico di famiglia. Coltivare la calma con meditazione, yoga, scrittura di un diario, esercizi di respirazione o immaginazione guidata.

Vai a Calendario perpetuo dall'anno 15 al 4099

Vai a Calendari da stampare

 

SonnoDormire meglio

Dormire molto è di vitale importanza per la salute del cervello. I modelli di disturbo del sonno a partire dalla mezza età possono influenzare la proteina amiloide-beta, che è associata all'Alzheimer. "Gli studi hanno dimostrato un'associazione tra l'insonnia e l'insorgenza precoce di demenza", secondo il dottor Lister. Per gli appassionati di tecnologia, si segnala il dispositivo di elettroterapia Alpha-Stim, che mira a ridurre l'insonnia agendo sui nervi di serotonina nel cervello [Nota: La Biblioteca Comunale di Altivole non ha alcun beneficio dalla vendita di questo prodotto, è semplice informazione].

 

alcol e fumoTagliare alcol e sigarette

Secondo la ricerca, bere e fumare può anticipare l'insorgenza dell'Alzheimer anche di sette anni. "Abitudini comuni che possono uccidere le cellule cerebrali includono fumare e bere troppo" dice il Dr Lister. Smettere di fumare migliora la circolazione nel cervello quasi immediatamente. "E quando si tratta di bere, ricordarsi dei limiti giornalieri raccomandati: da un bicchiere e mezzo a due per gli uomini e da uno a uno e mezzo per le donne, al giorno".

 

Uscire e socializzare

SocializzareIl mantenimento di una vita sociale attiva aiuta a ritardare l'insorgenza della demenza. "Alcuni scienziati ritengono che, mantenersi socialmente attivi, contribuisce a rafforzare le connessioni del cervello in modo che siano più resistenti ai danni nel corso della vita", spiega Ridley, direttore della ricerca della onlus Alzheimer's Research UK. "Ritardare l'insorgenza delle malattie ha il potenziale di migliorare la qualità della vita delle persone e aiuta anche a vivere in modo indipendente più a lungo", dice. Se piace socializzare, uscire e mescolarsi con altre persone, farlo potrebbe aiutare a vivere una vita più sana.

Vai a Volontariato e Socializzazione

Scopri quanto è diffuso il tuo cognome

Cerca una Associazione nel comune di Altivole

 

 

ConcussioniGuardarsi dalle lesioni alla testa

Evitare di stare in piedi su sedie o scale traballanti, stare in bilico su tacchi alti o salire scale piene di cose, e usare sempre la cintura di sicurezza. E se si riceve un colpo forte alla zucca e poi in seguito si hanno sintomi di confusione o perdita di memoria, andare subito da un medico!